Fantasanremo - il divertimento interattivo del festival

Fantasanremo - il divertimento interattivo del festival

Può il gioco di un piccolo gruppo d’ascolto di un bar delle Marche diventare in tre anni conosciuto e seguito a livello nazionale?  La risposta é sì, se si tratta del mitico Fantasanremo!  Un gioco a squadre divertente che coinvolge ogni anno ormai migliaia di appassionati del festival musicale più conosciuto di Italia.

Bonus e malus del concorso e la gloria del web in premio

Ogni iscritto al Fantasanremo ha a disposizione 100 “baudi” per comporre la propria squadra formata da 5 artisti in gara e un capitano.  Vince chi raggiunge più baudi possibili grazie alle performance degli artisti schierati che si alterneranno sul palco dell’Ariston secondo un regolamento particolarmente divertente!

I bonus e i malus del concorso  spaziano dalle semplici  performance dei cantanti a particolari parole in codice dette dagli stessi  sul palco dell’Ariston, dalla caduta delle scale più temute del piccolo schermo, agli outfit improbabili, dagli insulti al pubblico presente  in teatro alle esibizioni di twerking.

Il successo del Fantasanremo – il rimbalzo tra i social e la televisione

Il Fantasanremo ha coinvolto come nessuno prima il target dei giovanissimi nonché dei cantanti in gara al festival, protagonisti, loro malgrado, di un gioco nazionale in diretta televisiva. Gli artisti più giovani sono riusciti a tirar dentro questo pazzo gioco anche  i colleghi della “vecchia guardia”.

Tramite i profili social personali dei cantanti in gara il gioco si è diffuso a macchia d’olio. I continui richiami tra web e tv hanno coinvolto attivamente il pubblico da casa riuscendo a tenere incollati alla tv fino a tarda notte anche i più restii alla maratona sanremese; del resto avere in squadra l’ultimo ad esibirsi da diritto a ben 10 baudi! 

Il Fantasanremo ha avuto un’eco fortissima anche nei programmi collegati alla kermesse, dal dopofestival a casa sanremo ma si sono interessati all’evento anche TG nazionali e programmi sulle reti RAI.

Il Fantasanremo e il fenomeno del “doppio schermo”


Il Fantasanremo ha sancito una volta per tutte come ormai la modalità più diffusa di fruizione della TV sia quella del “doppio schermo”: mentre si guarda sul piccolo schermo il proprio programma preferito, intanto sullo schermo dello smartphone si commenta, si condivide, si taggano amici.
Il risultato è una fruizione non più passiva del mezzo televisivo, ma interattiva e sociale in senso letterale.
Il successo del concorso fa, inoltre, capire ancora una volta quanto il web riesca a rafforzare ma soprattutto ad accelerare dei processi che tramite i media tradizionali non avrebbero certamente raggiunto risultati così importanti.
In tre anni il Fantasanremo si è evoluto dalla formazione di poche squadre definite a penna su fogli di carta a circa 50.000 squadre iscritte su un sito web dedicato. Il passaparola online si è dimostrato ancora una volta un strumento potentissimo e funzionale di marketing che colpisce un target di utenza trasversale.

La vincitrice dell’edizione 2022 del Fantasanremo é stata Emma che si é fatta inseguire delle forze dell’ordine pur di ottenere bonus ed è riuscita così a fare un balzo in classifica e sbaragliare la concorrenza.
Per il prossimo anno sicuramente la squadra degli ideatori marchigiani avrà delle nuove idee e delle nuove regole  in serbo per l’ambita vittoria del Fantasanremo intanto... PAPALINA!